Per la prima volta nella sua lunga carriera, Fiammetta Pancaldi crea una linea di abiti che porta il suo nome. 

L’ispirazione della collezione viene dal dialogo creatosi tra gli spazi esterni ed interni della sartoria. Il laboratorio di Fiammetta Pancaldi è immerso in un grande giardino che, come l’edificio che contiene, ha una lunga storia di mutazioni d’uso. Tra i due si è innescata così un’avvincente e feconda contaminazione. 

La collezione è la traduzione creativa di questa sinergia. Nella capsule di dodici capi, grazie all’utilizzo della tela da modello e alla presenza della crinolina negli abiti più strutturati, si avvertono linee couture. Viene meno la costrizione del corsetto, in una conquistata nuova libertà e morbidezza. 

Abiti sofisticati, lunghi chemisier con pantalone palazzo di crêpe de chine o twill di seta, in toni pastello secondo una palette che spazia dalle nuance del rosso all’azzurro polvere, cosparsa da lievi tocchi arancio. Suggestioni pop e ricami accennati si miscelano al melograno, pattern intriso di memorie rinascimentali. Stampe e applicazioni floreali in raso di seta nero su basi di tulle, sembrano posarsi sulla materia tessile come petali di fiori o palpitanti ali di farfalla. Il gioco si rivela attraverso un opporsi e intrecciarsi di struttura, fluidità e morbidezza . 

Una sensualità accennata, lievemente ironica e divertita che rappresenta, tramite i colori, la leggerezza e le linee ariose dei capi, la primavera e il giardino.

 

 

VEDI LA COLLEZIONE SU www.fiammettapancadi.it